BlogGenitori

Il significato dei file in un servizio fotografico

Spesso i genitori chiedono al fotografo professionista che ha curato il loro servizio di famiglia i file in JPEG o gli scatti non lavorati, come se fossero la cosa più importante da ricevere dopo una sessione di ritratto.

Se ti stai informando per effettuare un servizio fotografico, probabilmente hai già letto delle discussioni online su questo argomento.
Desideriamo spiegarti il vero significato di un file jpeg per un fotografo AIFB, in modo semplice e diretto, perché il miglior modo per iniziare una collaborazione professionale con una famiglia è la fiducia reciproca.

 

I file non sono fotografie

Prima di tutto chiariamo cosa sono gli scatti RAW: si tratta dei dati “grezzi” delle foto, quelli raccolti dal sensore al momento dello scatto. Non sono soggetti a compressione e, durante una sessione fotografica se ne producono numerosissimi, spesso parecchie centinaia. Il formato raw è utile al fotografo professionista perché permette di fare le modifiche creative in un momento successivo e in fase di sviluppo. È una scelta che nasce da una grande competenza tecnica. A partire dalla selezione di questa massa di immagini il lavoro del fotografo per consegnarti le fotografie di alta qualità è ancora lungo. Solo la sua visione estetica, l’intenzione che ha guidato il servizio e una buona tecnica acquisita nel tempo possono trasformare una selezione accurata degli scatti in un prodotto artistico finito.
Dal trattamento professionale dei file RAW, con un lungo lavoro di selezione e trasformazione, il fotografo professionista arriva ad ottenere una rosa di file in JPEG, che di solito mostra al cliente per guidarlo nella scelta delle fotografie che vorrà stampare. Nella nostra epoca di fotografia digitale, il file equivale al vecchio negativo delle macchine fotografiche analogiche.

Con la diffusione della fotografia digitale spesso si confonde la differenza tra una fotografia stampata e uno scatto su file.

Si tende a perdere la percezione del percorso che uno scatto compie per diventare stampa fotografica. La foto su file è considerata erroneamente pronta, si pensa di poterla manipolare e utilizzare, credendo di avere un valore aggiunto a disposizione.

Cosa riceverai dal fotografo AIFB dopo la tua sessione fotografica?

I fotografi AIFB, esattamente come tutti gli altri fotografi appartenenti alle principali associazioni italiane e internazionali, considerano le fotografie su file dei veri e propri strumenti di lavoro di proprietà del fotografo e non delle vere fotografie.
Se ti rivolgerai a un fotografo AIFB per un preventivo, prima di accettarlo saprai esattamente che cosa è incluso, quanti scatti postprodotti riceverai e la tipologia di stampe fotografiche (dimensioni, tipo di carta fotografica, etc) che ti consegnerà.
Dopo il servizio fotografico, in genere (salvo accordi diversi) il fotografo ti mostrerà una preselezione degli scatti che ha ottenuto, tenendo conto di tanti fattori. Tra questi potrai scegliere, con l’aiuto del suo occhio e dei suoi consigli, quali immagini stampare su carta fotografica. Non è semplice immaginare che, per poterti sottoporre alcune alternative di scatti per la selezione finale, il fotografo avrà già fatto una gran parte del lavoro.

 

La posizione dei fotografi AIFB

L’orientamento dei fotografi AIFB è di sensibilizzare i clienti sull’ importanza di una fotografia stampata, consegnando non necessariamente o non solamente file, ma un set di fotografie vere e proprie.

Ecco le nostre motivazioni:

Un file ha una durata molto limitata

Un fotografo professionista conosce perfettamente la precarietà di tutti i dispositivi digitali moderni. Consegnare un lavoro artistico solo in file significa non proteggere le memorie di una famiglia. Sicuramente è molto più alto il rischio di perdere i file nei continui aggiornamenti o passaggi da un computer all’altro, tra un software ed un altro, da un telefono ad un tablet rispetto ad un album fotografico che raccolga cronologicamente la crescita di un bambino o di una famiglia attraverso le fotografie stampate. Noi fotografi di AIFB sentiamo il dovere di proteggere i ricordi dei nostri clienti. Per questo motivo proporremo meravigliosi supporti fotografici attraverso i quali potranno ammirarsi nel tempo.

Un servizio fotografico di famiglia è da vivere come un processo artistico

che sfocia in una stampa su carta, in una tela, in un pannello o in mille altri supporti cartacei che il fotografo ti saprà consigliare. Le emozioni che fotografiamo culminano nella stampa. Dove l’immagine diventa concreta, da vivere ogni giorno. Il fotografo AIFB ti consegnerà un set di immagini stampate con la miglior definizione, su carta molto pregiata, dove ogni sfumatura cromatica e ogni dettaglio sono studiati per offrirti il massimo.

Un’immagine virtuale su file, invece, conserva un senso di incompiuto.

Metterla su una chiavetta e portarla a stampare da un qualsiasi service fotografico la renderebbe più povera e piatta, e ricevere un CD pieno di immagini ti darebbe solo apparentemente un valore. Infatti si perderebbe totalmente il senso estetico che ha guidato il servizio fotografico e sarebbe molto difficile individuare le foto più valide per la stampa (con il rischio di non stamparne nessuna e di non godere della loro bellezza, come si fa per la massa di immagini digitali che realizziamo e collezioniamo in cartelle, con smartphone e macchine digitali).

Il file, proprio come il negativo, rimane di proprietà del fotografo.

Chiedere a un fotografo professionista i file è come chiedere a uno scrittore o a un giornalista le bozze precedenti la stesura definitiva, valutare un pittore o un illustratore dal suo quaderno degli schizzi e non dall’opera definitiva. Rivolgerti a un fotografo AIFB specializzato in bambini e famiglie ti offre il valore di una visione artistica, di un gusto estetico abbinato alla competenza tecnica. La fotografia stampata è il risultato di questo processo, tutto il resto sono strumenti di lavoro. Per fare un paragone efficace, i file sono gli ingredienti di un piatto gourmet: tutti gustiamo la pietanza preparata ad arte ma nessuno si aspetta che lo chef riveli l’ingrediente segreto!

Le persone pensano che avere i file tuteli la loro immagine da utilizzi arbitrari delle fotografie

come quando si chiedevano i negativi delle macchine a pellicola. Lavorando con un fotografo professionista iscritto ad AIFB e in regolare possesso di partita IVA, questo timore non ha senso di esistere. Il fotografo risponde professionalmente e legalmente dell’utilizzo delle immagini e può diffondere solo quelle che tu eventualmente autorizzerai firmando una liberatoria, conservando nel suo archivio tutti gli scatti originali della vostra sessione.

Speriamo di averti aiutato a capire meglio la differenza tra ricevere una stampa fotografica e ricevere un file affinché tu possa prepararti senza pensieri al servizio fotografico con il fotografo AIFB che hai scelto! Per qualsiasi domanda, lei/lui saprà essere il tuo punto di riferimento.

 

Manuela

Manuela