Eventi in team

La nostra “prima volta” insieme per mammacheblog

Si è conclusa la nostra prima uscita come fotografi ufficiali di una manifestazione molto importante. Un vero evento che ci ha visto impegnati due giorni, 8 e 9 maggio, a Milano presso il Palazzo delle Stelline. E che “evento”: MammacheBlog!
Fattoremamma, il network che raggruppa le maggiori mamme-blogger italiane, della nostra presenza in questa edizione 2015 ne ha parlato QUI

11054839_882116895181158_2741565207874148737_n

Ma soprattutto abbiamo appena terminato di consegnare gli oltre 5000 scatti prodotti in due giorni e possiamo tirare un po’ il fiato per poterne parlare nel nostro blog! E’ stata la nostra prima esperienza in team come Associazione Italiana Fotografi di Bambini Tau Visual. Come sapete tra poco festeggeremo un anno di attività associativa, dunque è stata davvero la nostra “prima volta” e, come è noto, la prima volta non si scorda mai!

4

11233180_882117368514444_2314240284396179091_n

11160664_882117328514448_4936839824724873173_n

10006524_882529268473254_8628202073575576491_n

20898_882470568479124_207611721943636990_n

38

11231150_882528225140025_4807898863533719957_n

11127723_882529348473246_8812571676395563730_n

Tanti i colleghi che hanno aderito alla nostra “call to action” da Milano come da altre regioni italiane. Abbiamo preso treni solo per il piacere di re-incontrarci per lavorare tutti insieme in questo evento davvero speciale ed importante.
Perchè ogni volta per noi è un pò come una festa di bambini, dove si fanno grandi scorpacciate di dolci. Ed incontrarci, chiaccherare e lavorare tutti insieme, sono i nostri dolcetti preferiti.

Per l’occasione, la nostra Chiara Caponnetto aveva realizzato delle brochures informative da lasciare al nostro stand e nelle cartelline congressuali delle bloggers. E Fabio Giovanetti  ne aveva curato la stampa, tamponando gli imprevisti dell’ultimo minuto. Averle viste sotto i nostri occhi, realizzate e stampate, è stata una grandissima emozione.

11143376_882171931842321_1079368319033797468_n

Ed anche possedere il nostro primo stand con una postazione di lavoro interna ad un evento nazionale così importante è stato davvero emozionante. Come se finalmente si fosse costruita, da sola, una piccola città intorno a noi: ricordo ancora la scorsa estate e le nostre conversazioni di giorno e di notte, mentre lavoraravamo alla costituzione di questa associazione specialistica. Eravamo in pochi, gli unici che già si conoscevano, ma avevamo un motore dentro fatto di dedizione, coraggio, passione e fiducia nel nostro lavoro, nel nostro progetto e nel bisogno che se ne sentiva per tutta la nostra categoria.

11059999_882470191812495_6859524093491993974_n

Vedere realizzato uno stand, un roll up, delle brochures, dei badges…per me è stato davvero commovente.

11114240_882172185175629_968415188587982533_n

Sono salita anche io da Roma per aiutare nel coordinamento di quello che si prospettava una due giorni di fuoco. Ma non c’è stato bisogno di coordinare nulla, i miei colleghi si sono mossi da soli, sala per sala, stand per stand, dribblando ritratti tra una blogger e l’altra, svolazzando nel loro green carpet come apette soavi ed efficienti.
Ed io sono rimasta a scaricare ed editare solo le loro infinite schede, ricche di meravigliosi scatti artistici, che hanno reso tanto felici le nostre bloggers.

14

Per i miei occhi è stata davvero una meraviglia vedere tutto questo movimento “nostro” e per il mio cuore un vero toccasana. Fanno bene queste esperienze di gruppo, è meraviglioso lavorare in un team così affiatato e vi lascio le impressioni di tutti i colleghi che hanno partecipato senza cedere un attimo alla stanchezza: Fabrizio Balestrieri, Liliana Cantù, Paola Cazzaniga,  Lisa Conti , Giorgia Cristelli, Fabio Giovannetti, Viviana Nocera, Emanuela Raffaele, Elisabetta Sampugnaro,  Jana Sebestova, e Eleonora Vaschetti.

Da parte mia, vi lascio un video che ho realizzato per riderci sopra ma rende bene l’idea di questi 2 giorni indimenticabili. Lo trovate QUI
Ed ecco i racconti di tutti i fotografi A.I.F.B. che hanno preso parte all’evento:

Fabrizio Balestrieri di Studio Visualis
Siamo arrivati in due, Fulvia ed io, dopo aver accompagnato i nostri tre nanetti a scuola; pioveva, ma io ero carico di aspettative e Fulvia maggiormente incuriosita dagli argomenti interessanti che si sarebbero succeduti nelle aule.
Personalmente, ero pronto per quelli che sarebbero stati due giorni intensi: le mie aspettative non sono state deluse!
Una delle esperienze che più ci hanno arricchito è stato l’incontro e la conoscenza vis-a-vis dei nostri colleghi AIFB: fin da subito, la “familiarità” acquisita sulla Rete si è trasformata in sintonia e complicità.
Far parte di un team così esperto, amichevole ed allegro ha alimentato la nostra convinzione che lavorare ad un progetto comune in un clima di condivisione è presupposto indispensabile anche tra chi si trova a competere ogni giorno.
Aver lavorato sotto lo stesso nome ha rinnovato l’orgoglio di appartenere ad un’associazione che, dietro ad una sigla ha dei volti con una forte umanità.

Liliana Cantù di Siamobimbi
Dovendo sintetizzare in poche parole ciò che mi sono portata a casa da questa bellissima esperienza posso solo dire: Che Grande Team!
Non è sempre facile lavorare in gruppo quando ci si conosce solo “virtualmente” ma entusiasmo, disponibilità, collaborazione e rispetto sono state le caratteristiche comuni a tutti che hanno reso davvero magici questi due giorni!

Paola Cazzaniga di Mummy Loves You 
Il fotografo è un lavoro solitario. Con i pregi ed i difetti che comporta. Qui si era una squadra e ho visto solo lati positivi. Collaborazione, entusiasmo, spirito di gruppo, organizzazione e soprattutto forza. Forza nel credere nel nostro lavoro, nella sua bellezza ed importanza. Ce lo diciamo tutti i giorni sul nostro forum.
In queste giornate ce lo siamo detti guardandoci negli occhi!

Lisa Conti di FotodiSapone 
E’ stato meraviglioso dare un volto concreto e una voce ad alcuni colleghi conosciuti, fino ad ora, solo tramite un’icona sui social o un nome in Google.
La rete è importante ma passare dall’online all’offline fa sempre uno strano effetto, un po’ come passare ad un 3D fatto di suoni e sorrisi.
Molto ben azzeccata l’idea del dresscode, tutti di nero vestiti con una punta di rosso, che ci ha resi riconoscibili sia in gruppo che come cellule sparse tra le centinaia di mamme colorate e vocianti. Alla fine, abbiamo dimostrato di saper curare bene la nostra immagine anche nei dettagli: dal singolo al gruppo, dalla rete al reale.

Giorgia Cristelli di Giorgia Cristelli Photography 
L’idea di partire per Milano è arrivata d’impulso, scavalcando qualsiasi ostacolo, la voglia di conoscere quei colleghi con cui si scambiano opinioni, dubbi e paure, a cui si chiede consiglio. La voglia di guardarli in faccia e poterci scambiare delle ore assieme e condividere qualcosa in più, di creare un legame ancora più forte, ricco di sorprese. Uno stimolo ad imparare qualcosa da ognuno, di percepire quei vecchi principi di cui nel mondo reale si sono perse le tracce, ma che in questo gruppo ho sentito molto forte. L’unione fa la forza, e il nostro team ne da prova concreta con quella sensazione del sentirsi tutti uguali. E la competizione è una caratteristica che appartiene ad altri mondi, non al nostro.

Fabio Giovanetti di White Memories 
E’ stata la prima volta che ho dato un volto a tanti colleghi con cui avevo collaborato solo virtualmente, eppure mi sono sentito come se li conoscessi da sempre.
Sono un osservatore per natura, ed è difficile spiegare a parole la sensazione di familiarità e di sicurezza che ho provato nel guardarli mentre lavoravano, un pò come vedere tanti “me” allo specchio. Vederli appostati qua e là a catturare immagini senza dare nell’occhio o a chiacchierare tra loro con il sorriso sulle labbra mi ha fatto sentire orgoglioso di essere parte di una grande squadra.

Viviana Nocera di Fairytales Photographer 
Emozionata come una ragazzina, ho iniziato così le 2 giornate che ci hanno visto protagonisti del backstage di MammacheBlog.Trovarmi a lavorare insieme ad un gruppo di colleghi con i quali condividere la stessa passione è stato grandioso, gli sguardi di complicità nelle diverse sale, la condivisione degli spazi con occhi e orecchie aperte agli interventi delle tante Blogger che abbiamo immortalato, questo mi piace di AIFB, questo è Teamwork!

Elisabetta Sampugnaro di Photolisart http://www.photolisart.it
Emozione. Networking. Gioia.
Sono tre parole che possono sembrare vaghe, ma che rappresentano l’essenza di questa duegiorni! Adoro fare team!
Abbiamo potuto conoscerci meglio, scoprendo che siamo un gruppo davvero affiatato!
Il grande feeling AIFB.

Jana Sebestova di Inkidswetrust 
“Raro e prezioso spirito di collaborazione e di scopo comune. E’ arricchente appartenere a un gruppo cosi”

Emanuela Raffaele di Addafoto
Come ogni “Prima volta” che si rispetti, prima di giungere al “giorno fatidico”, c’è stata molta ansia miscelata ad adrenalina pura. Il motivo era semplicemente che avrei finalmente conosciuto colleghi con cui chattavo quasi ogni giorno e rivisto altri con cui avevo già condiviso esperienze diverse da questa!
Avrei anche dato un volto a diverse mamme blogger che già seguivo da tempo, quasi come si segue un programma televisivo. Per questo, non avrei mai pensato né di conoscerle, né tantomeno di avere un’opportunità del genere!
Quindi, come si fa a prendere sonno tranquillamente le sere precedenti a quest’evento?
Che ero stanca e con le gambe molli e i piedi doloranti, me ne sono accorta a cose finite, mentre mi dirigevo verso la macchina mangiando un sudato e meritato gelato nel caldo quasi estivo di quel magnifico 9 maggio. Erano le 18 circa quando realizzavo che ero veramente stanca, ma felice! Felice perché mi sono nuovamente resa conto di quanto sia produttivo e soddisfacente il lavoro di squadra; felice perché la condivisione di attrezzatura, esperienza e professionalità è stata totale, sana e genuina; felice perché i rapporti si rafforzano quando sono gli occhi e i gesti a parlare; felice perché, ancora una volta, ho potuto vivere questa fantastica esperienza con Roberto, compagno di vita e di lavoro. Grande levataccia al mattino e grande organizzazione per “sistemare” i nostri 3 figli, ma ce l’abbiamo fatta! E sapete cosa vi dico? Ne è valsa la pena! E come ogni prima volta che si rispetti, resterà la più importante e quella che non scorderemo mai!

Eleonora Vaschetti di EVstudiofotografico
Volevo partecipare con tutta me stessa a questo evento. L’idea di conoscere tanti colleghi del settore dopo tanti anni in cui mi sono sentita spesso sola mi ha messo letteralmente in fibrillazione! Dovevo esserci, dovevo rendermi partecipe di questa splendida iniziativa a nome dell’associazione. E così sono partita, figlio lattante al seguito (e papà) e inutile dire che è stato come aver portato le caramelle a dei bimbi! Sono davvero felice di aver potuto dare il mio piccolo contributo e non vedo l’ora di poter replicare e ritrovare i colleghi, grandi persone oltre che magnifici fotografi di bimbi. L’unico rammarico è non aver potuto partecipare a entrambe le giornate. Grazie infinite a tutti per questa ricchissima esperienza!

I numeri del Social Family Day  di Mammacheblog in un’ infografica

 Schermata 2015-05-27 alle 20.02.44

Ad onor del vero eravamo in 12, ma con tutta la passione di 63 fotografi!

ROBERTA GAROFALO

ROBERTA GAROFALO

Diplomata presso l'Istituto Superiore di Fotografia a Roma, dopo un Master in Fotografia di Moda e Still Life presso la Scuola Romana di Fotografia ho continuato i miei studi specialistici nelle masterclass di alcuni fotografi internazionali: ho approfondito Moda e Ritratto con Amedeo Turello, Street Portraiture con Amy Arbus, Nudo e Figura Umana con Andreas H. Bitesnich. Contemporaneamente ho conseguito la laurea in Lettere, per far contenti mamma e papà: a me bastava avere una macchina fotografica in mano per essere super felice. Vivo a Roma, dove nel 2010 ho inaugurato il mio studio specializzato in ritrattistica di Gravidanza, Neonati, Bambini e Famiglie. Amo fotografare i bambini piccoli e grandi, con uno stile fresco e contemporaneo; esaltare il corpo femminile nel periodo magico dell'attesa; addormentare un neonato sul set guardandolo con infinita meraviglia prima di ritrarlo; essere testimone privilegiato dell'amore e della completezza di un nucleo familiare, nella sua continua evoluzione. Credo profondamente nel mio lavoro, dedico ai miei clienti tutte le attenzioni che meritano e rispetto i bambini più di me stessa. Sono sposata ed ho un bambino di 8 anni. Ho una curiosità sempre al galoppo e non smetto mai di imparare.