BlogIspirazione fotografica

La capsula del tempo: preparare la scatola dei ricordi di famiglia

Avete mai pensato di costruire una capsula del tempo con i bambini?

La capsula del tempo è una sorta di bussolotto o scatola che viene riempita con oggetti che rappresentano il proprio periodo storico, ma anche messaggi per i posteri, e il suo scopo è portare un messaggio alle persone del futuro.

Chi, nel futuro, aprirà la scatola del tempo, troverà testimonianza delle persone che l’avevano preparata, delle mode del momento, ma anche lettere e biglietti con informazioni, dichiarazioni, intenzioni.

Quanto potrebbe essere interessante poter aprire oggi la scatola del tempo dei nostri bisnonni o dei nostri nonni?

Osservare i loro ricordi, leggere le lettere scritte a mano, guardare le fotografie che hanno voluto conservare per tramandarle ai giorni nostri, come testimonianza del proprio passaggio sulla Terra.

In questo senso, la capsula del tempo tiene traccia della nostra esistenza: ci dice chi eravamo, cosa facevamo, ma soprattutto cosa ci piaceva, quali sentimenti provavamo.

Potremmo dunque traslare questo concetto e inventare la capsula del tempo per preservare i ricordi di famiglia.

Per esempio potremmo decidere di preparare una di queste scatole ogni 5 anni: a distanza di tempo ci sorprenderemmo a ricordare i momenti in cui i nostri figli erano più piccoli, a vedere le loro fotografie e a leggere ad alta voce le lettere che abbiamo scritto ai noi stessi del futuro.

Quali erano le nostre speranze? Quali erano le nostre preoccupazioni?
Siamo riusciti a trovare la felicità?

I bambini potrebbero riempire le capsule del tempo non solo con le proprie fotografie, ma anche con un disegno, oppure una pagina di un quaderno di scuola.
Per scoprire che sono cresciuti, che sono diventati grandi anche loro, che hanno imparato tanto e – soprattutto – che sono ancora in cammino.

LEGGI ANCHE: Perché la fotografia stampata non morirà mai

Il futuro forse non ci spaventerebbe così tanto, se iniziassimo oggi a scrivere una lettera al noi del futuro: per dirci che siamo fiduciosi, che la vita è meravigliosa, che l’avvenire è importante, ma lo sono anche le radici, le fotografie e i ricordi.

[foto di inizio post: Emanuela Vaschetti]

Manuela

Manuela