GenitoriNormativa, Safety, Policy, LegalProps

Fotografia Newborn: igiene dello studio e sicurezza del neonato

La fotografia Newborn è una specializzazione che richiede una preparazione professionale elevata e il rispetto rigoroso di alcune regole.

Infatti, fotografare un bebé con pochi giorni o settimane di vita ha tantissime implicazioni per la sua salute, il suo benessere e comfort.

Seguendo alcune fondamentali regole comportamentali e igieniche, la sessione di fotografia Newborn si trasforma in un’esperienza dolce e serena per il neonato e per i genitori e permette di creare ricordi fotografici tenerissimi e preziosi.

Per aiutare voi genitori ad affidarvi a professionisti seri e preparati e a vivere con tranquillità un’esperienza indimenticabile, vi spieghiamo quali sono gli aspetti fondamentali per creare uno studio e una sessione fotografica a misura di neonato.

Fotografare un neonato: etica professionale

Noi fotografi AIFB seguiamo una serie di regole condivise per allestire lo studio e per prepararci agli scatti, in modo da garantire un ambiente accogliente, sano e igienico.

Ottenere un risultato artistico lavorando a contatto con un bebè significa porsi nei suoi confronti con tutta la delicatezza e le attenzioni di cui ha bisogno. È necessaria una preparazione teorico-pratica notevole, che si acquisisce lentamente e permette di gestire gli imprevisti con padronanza. Mai come in questo caso, è importante evitare i fotografi amatoriali e poco formati per lavorare con i neonati.

AIFB è stata pioniera in Italia nella fotografia Newborn. Parallelamente alla formazione tecnica e stilistica di una nuova generazione di fotografi specializzati nella fotografia artistica dei neonati, AIFB ha iniziato a promuovere una sensibilizzazione sulle responsabilità che un fotografo professionista ha quando si dedica alla fotografia Newborn.

Chi è genitore conosce bene la sensazione di disagio che prova ad affidare il suo bebé nelle mani di altri. Il neonato è una creatura fragile e delicata, che dopo mesi di gestazione nel pancione si affaccia al mondo, ambiente assai meno ovattato e ideale per lui. Le difese immunitarie sono minime, la pelle è delicatissima, la sensibilità agli sbalzi di temperatura e umidità, ai rumori e alle luci è estrema. Ci vuole massimo rispetto, delicatezza nel contatto e nella manipolazione, nel rispetto dei suoi tempi. Anche le regole igieniche in studio sono particolarmente rigide.

Ecco il protocollo che noi fotografi AIFB seguiamo.

Preparazione dello studio fotografico

In vista di una sessione Neonato, lo studio deve diventare un nido caldo e accogliente, dove il piccolo possa abbandonarsi beatamente alla sua nanna senza essere disturbato.

La preparazione inizia il giorno prima: cambio d’aria, pulizia accurata dello studio e igienizzazione di tutte le superfici con cui il bambino entrerà in contatto: fasciatoio, cesti, culle, prompt e scenografie, obiettivi fotografici, elementi del set. Si porta gradualmente la temperatura dello studio a 28-30°: i bimbi molto piccoli infatti amano il tepore, che li coccola e favorisce il sonno, e non devono prendere freddo né subire sbalzi eccessivi durante i cambi di abitino e il posing sul set. Con un occhio al deumidificatore si mantiene un tasso di umidità ottimale, mai superiore al 30% ma neanche troppo basso per non irritare le mucose del piccolo. La luce naturale, mai diretta, è importante per la buona riuscita degli scatti, e le luci di scena saranno sempre tenute a una distanza di sicurezza dal bimbo per non farlo sudare o infastidirlo. In studio c’è sempre un termoventilatore a portata di mano, posto in posizione defilata lontano dal bimbo, per creare un ambiente confortevole.

Preparazione delle persone

Per evitare che durante la sessione fotografica il neonato entri in contatto con batteri o virus, bisogna seguire scrupolosamente alcune regole. Lo studio non deve essere affollato: il numero dei presenti è limitato al fotografo, se necessario con un assistente che sa perfettamente come muoversi e ai genitori. Nel caso di scatti con i fratellini, i bimbi staranno in studio il tempo necessario ad essere ritratti, in modo da non agitare il neonato.

Per stare a stretto contatto con il bebé è fondamentale essere in piena salute: se il fotografo ha il raffreddore o i postumi dell’influenza, l’etica professionale e il senso di responsabilità verso il bimbo e i genitori gli impongono di rimandare la sessione di qualche giorno. Alcuni accorgimenti personali del fotografo aiutano a minimizzare il rischio di veicolare accidentalmente germi: unghie corte e curate, in studio ci si cambia e si indossano abiti puliti o un camice riservato all’occasione, niente gioielli o accessori, capelli preferibilmente legati. Prima di iniziare, le mani sono igienizzate con l’Amuchina. Anche ai genitori viene chiesto di togliere le scarpe all’ingresso e indossare babbucce o copriscarpe.

Copertine, prompt, cuscini e abitini di scena, che noi fotografi abbiamo in quantità da alternare sul set, sono in fibre naturali ultradelicate a contatto con il corpo e in textures finissime che non irritano la pelle. Sono rigorosamente lavati e igienizzati dopo ogni uso. Conservati in buste impermeabili, vengono aperti solo al momento di iniziare gli scatti.

Regole durante la sessione

Una sessione Newborn è come un rituale sacro, in cui tutti i gesti sono compiuti con consapevolezza, cura e lentezza.

Si tiene sempre un occhio alla temperatura e al bisogno si accende il termoventilatore in posizione lontana dal set. Il bimbo non deve patire sbalzi durante i cambi d’abito e non deve sudare durante le pose. Cuscini, ceste e altri accessori sono stati controllati in precedenza per assicurare un appoggio stabile. Luci di scena e cavi sono posti in posizione strategica, pensata in anticipo, per non essere di intralcio. La macchina fotografica è sempre assicurata con la tracolla, per non rischiare di urtare accidentalmente il bambino.

I workshop di perfezionamento sulla fotografia Newborn che AIFB organizza per gli associati includono anche incontri con ostetriche sulla fisiologia e psicologia del neonato e nozioni di massaggio neonatale. Queste competenze sono utilissime nella fase di posizionamento del bimbo per gli scatti o in caso di colichette e pianti, predisponendoci ad un contatto con lui estremamente delicato, sicuro e consapevole.

Ci sentiamo custodi del vostro bimbo e viviamo la possibilità di creare dei ricordi fotografici per voi come un privilegio.

Affidate vostro figlio solo a professionisti preparati

Mai come nel caso di bimbi molto piccoli, la competenza e l’esperienza sono fondamentali.

Affidatevi esclusivamente a fotografi professionisti esperti nel settore e pretendete un ambiente sicuro e una preparazione scrupolosa.

Cercate il fotografo AIFB più vicino e programmate il servizio fotografico Neonato per il vostro bimbo in arrivo.

Manuela

Manuela